We're sorry but mesimedical.com page doesn't work properly without JavaScript enabled. Please enable it to continue.
MESI logo
  1. Home
  2. it
  3. arteriopatia pe ...

Arteriopatia periferica mascherata: definizione, gruppi a rischio e rilevamento


LinkedIn icon Twitter icon Facebook icon

Nascosta dietro i sintomi di altre patologie, l’arteriopatia periferica (PAD) mascherata rappresenta una minaccia significativa per gli individui, in particolare per le persone anziane e per quelle con comorbilità specifiche. Per individuarla e gestirla è fondamentale essere a conoscenza dei suoi pericoli e dei gruppi a rischio che vengono colpiti. Questo blog chiarisce questi aspetti e fornisce una panoramica sul rilevamento della PAD mascherata. Per informazioni complete sull’AOP mascherata, sulle sue conseguenze e sui gruppi a rischio, guarda la seguente conferenza [3] del Prof. Tristan Mirault dell’Université Paris Cité (disponibile in francese). 

Questo blog ti offrirà maggiori informazioni su:

Cos’è l’arteriopatia periferica mascherata?

L’arteriopatia periferica (PAD) è una malattia dovuta a un restringimento delle arterie periferiche, ovvero le arterie che non si trovano nel cuore, ma che forniscono il sangue dal cuore ad altre aree del corpo. La PAD è spesso usata come sinonimo di LEPAD (malattia arteriosa periferica degli arti inferiori), in quanto colpisce più comunemente le arterie degli arti inferiori. [1]

La PAD è difficile da individuare perché la maggior parte dei pazienti non avverte alcun sintomo. Un sintomo ben noto della PAD è la claudicazione intermittente, un “dolore ai muscoli scheletrici dell’arto inferiore che si verifica durante l’esercizio fisico”, anche camminando. [2] Si verifica a causa dell’insufficiente apporto di ossigeno alla muscolatura e cessa quando il paziente si riposa.

Quando una malattia è mascherata, i sintomi non sono facilmente riconoscibili o vengono attribuiti ad altre cause, il che può portare a diagnosi errate o ritardate. Le malattie mascherate hanno spesso sintomi lievi o atipici che possono essere confusi con quelli di altre patologie o passare del tutto inosservati.

Nel caso della PAD mascherata, il dolore alla parte inferiore della gamba potrebbe essere attribuito a fattori come l’età avanzata, oppure potrebbe non comparire affatto perché il paziente con altre comorbilità potrebbe non riuscire a camminare abbastanza a lungo da sviluppare la claudicazione intermittente. Il dolore potrebbe anche non manifestarsi a causa dell’intorpidimento dei piedi, causato da una serie di fattori come la neuropatia periferica (ad esempio indotta dal diabete). In tutti questi casi, la presenza di una condizione cardiovascolare come la PAD può rimanere nascosta per molto tempo. Una diagnosi tempestiva è però fondamentale perché la PAD non solo può causare amputazioni, ma è “fortemente associata alla mortalità, soprattutto come forte predittore di futuri infarti del miocardio e ictus”. [1]

Chi è a rischio di arteriopatia periferica mascherata?

Quando si cerca di individuare la PAD, bisogna tenere conto dei gruppi a rischio che sono minacciati da questa patologia e che dovrebbero sottoporsi allo screening della PAD.

I pazienti con comorbilità che possono costringerli a uno stile di vita sedentario, tuttavia, dovrebbero rientrare nella categoria dei pazienti potenzialmente minacciati dalla PAD mascherata, perché spesso non fanno esercizio fisico (camminano) a sufficienza per far comparire un sintomo come la claudicazione. Queste comorbilità sono spesso patologie gravi che hanno un ruolo centrale nella vita e nel trattamento del paziente, quindi le visite mediche si concentrano spesso sulla loro gestione (aderenza ai farmaci, prevenzione degli infortuni).

Ecco alcuni esempi di pazienti che gli specialisti e i medici di base possono incontrare nella loro pratica quotidiana: [3]

Paziente anziana

La paziente è anziana e utilizza un deambulatore. La sua deambulazione si limita principalmente al passaggio dalla sedia al letto e viceversa. Non va più a fare la spesa o in altri posti a piedi, quindi i sintomi della claudicazione intermittente non compariranno.

Paziente con BPCO, fumatore, in ossigenoterapia a domicilio

Il paziente percorre distanze a piedi molto brevi perché gli manca rapidamente il fiato. È quindi costretto a sedersi e a riposare. Le distanze sono troppo brevi perché si manifesti una claudicazione da sforzo.

Diabetica ipertesa con neuropatia periferica

Non esce a piedi perché potrebbe inavvertitamente ferirsi a causa della neuropatia periferica. È consapevole del fatto che le ferite e i tagli ai piedi potrebbero non guarire correttamente, causando addirittura un’amputazione. Per questo motivo rimane a casa con calzature comode. Il suo stile di vita sedentario evita che la claudicazione si verifichi.

Paziente con insufficienza cardiaca

La sua capacità di camminare e qualsiasi altro sforzo fisico sono seriamente limitati dalla mancanza di respiro. La maggior parte dei consulti medici si concentrerà sul rispetto del regime farmacologico.

Paziente con angina

La situazione è simile a quella del profilo precedente. Qualsiasi sforzo fisico è fortemente influenzato dalla dispnea e dal dolore al petto. Questi sintomi saranno al centro delle visite mediche.

Come la si scopre?

I sintomi della claudicazione intermittente sono simili a quelli dei dolori muscolo-scheletrici, della stenosi spinale e della claudicazione venosa. La claudicazione intermittente può manifestarsi in diverse forme: da un forte dolore a crampi in diverse aree della gamba (a seconda della posizione del restringimento arterioso). [2] Tutti questi sintomi richiedono una visita accurata per determinarne l’effettiva causa.

Nel caso di PAD mascherata, sintomi di claudicazione come gambe fredde, intorpidimento, dolore alle gambe durante la notte a letto, pelle del piede glabra, lucida e a chiazze con delle piaghe, pallore della pelle della gamba (quando è sollevata) e arrossamento (quando è abbassata) [4] potrebbero essere indicativi della condizione.

Come prima cosa si consigliano 2 semplici esami alle gambe: [3]

Palpazione delle pulsazioni degli arti inferiori

La palpazione delle pulsazioni fa parte dell’esame clinico iniziale e approfondito. È opportuno sottolineare che dovrebbe essere accompagnata da un confronto visivo bilaterale di entrambe le estremità inferiori, determinando i fattori di rischio cardiovascolare del paziente e annotando ulteriori fattori che potrebbero essere presenti.

L’assenza di polso è un valido indicatore di PAD. Tuttavia, la presenza di polso non esclude la PAD. [3] Per questo motivo, la combinazione tra la palpazione delle pulsazioni e l’esame successivo è essenziale:

La misurazione dell’Indice caviglia-braccio

Le linee guida della SEC del 2017 [5] raccomandano la misurazione precoce dell’ABI per:

  • Pazienti con sospetto clinico (polso impercettibile; claudicazione o sintomi suggestivi per LEAD; ferita non cicatrizzante)
  • Pazienti con patologie cliniche (rischio crescente): CAD; insufficienza cardiaca; aneurisma dell’aorta addominale; CKD
  • Soggetti asintomatici a rischio:
    • sotto i 50 anni: storia familiare di LEAD
    • sotto i 65 anni: fattori di rischio cardiovascolare (diabete; ipertensione; fumo; dislipidemia)
    • oltre i 65 anni: chiunque.

L’indice caviglia-braccio automatizzato è un metodo rapido ed efficace per misurare l’ABI (si noti che nel Regno Unito, in conformità alle linee guida NICE 2023, è possibile utilizzare solo misurazioni ABI Doppler manuali nei pazienti con ulcere alle gambe). Dato che richiede solo pochi minuti, i pazienti con gruppi a rischio di PAD possono essere sottoposti a screening in modo rapido ed efficace e può essere di grande aiuto come primo passo quando si sospetta una PAD mascherata. A seconda delle altre comorbilità del paziente, in presenza di arterie incomprimibili, è possibile utilizzare la misurazione dell’indice brachiale.

Riuscire a individuare l’arteriopatia periferica mascherata richiede uno sforzo sia da parte dei pazienti che degli operatori sanitari. Prestando attenzione ai sintomi più impercettibili, adottando misure preventive e cercando assistenza medica tempestiva, i pazienti possono mitigare le conseguenze potenzialmente gravi di questa minaccia silenziosa. A questo scopo, gli operatori sanitari dovrebbero sottolineare l’importanza della diagnosi precoce della PAD nei gruppi a rischio, in quanto ciò contribuirà in modo significativo ai risultati del trattamento.

Professor Tristan Mirault, MD, PhD

Il dottor Tristan Mirault è uno specialista in medicina interna e vascolare. Lavora all’Università Paris Cité e all’Hôpital Européen Georges Pompidou di Parigi (Francia). La sua ricerca si concentra sulle malattie vascolari genetiche e infiammatorie e sulle proprietà biomeccaniche della parete arteriosa.