We're sorry but mesimedical.com page doesn't work properly without JavaScript enabled. Please enable it to continue.
MESI logo
MESI logo
  1. Home
  2. it
  3. calo dinteresse ...

Calo d’interesse nel trattamento dell’arteriopatia periferica


LinkedIn icon Twitter icon Facebook icon

Fino allo scorso decennio, i cardiologi europei erano specializzati nel trattamento sia dei disturbi cardiaci sia di quelli vascolari. Tuttavia con il progresso nei metodi tecnologici sia nella diagnosi che nel trattamento e con l’avvento di nuove specialità e sub-specialità, i cardiologi si stanno concentrando maggiormente sui disturbi cardiaci restringendo di conseguenza il loro campo d’azione. Questa attenzione limitata ha quindi portato i cardiologi a trascurare i disturbi vascolari. Secondo una recente indagine europea, i giovani cardiologi mostrano un minor interesse e visitano un numero minimo di pazienti con disturbi vascolari periferici come la PAD.

MESI mTABLET ABI

Il calo d’interesse da parte dei cardiologi ha portato a una maggiore carenza di attenzione da parte di una popolazione sempre più affetta da PAD. I cardiologi non stanno includendo una valutazione dei vasi sanguigni periferici nel loro regolare check-up completo. Non si informano sui sintomi vascolari o non conducono durante le loro visite ai pazienti test di diagnosi vascolare come la valutazione della funzione endoteliale, la diagnostica per immagini carotidea e femorale, la misurazione dell’indice caviglia-braccio e la valutazione della durezza aortica. La maggior parte dei pazienti affetti da disturbi vascolari vengono curati da chirurghi vascolari, specialisti della medicina vascolare o della trombosi o, in alcuni casi, da angiologi. Tutto ciò ha portato a diagnostiche e trattamenti non ottimali su pazienti affetti da PAD e da altre malattie vascolari.

D’altra parte, è d’obbligo notare come i disturbi vascolari come la PAD siano la causa primaria di malattie cardiache e ictus nei pazienti. Come ampiamente dimostrato dalla ricerca, una diagnosi precoce e un efficace trattamento della PAD e di altri disturbi vascolari possono ridurre l’incidenza e la mortalità nelle malattie cardiache. Uno studio ha notato come la diagnosi precoce e un’appropriata gestione della PAD e di altri disturbi vascolari possano ridurre la mortalità del 7% nei pazienti cardiaci. Inoltre, l’attenta ricerca di patologie vascolari come la PAD può migliorare la diagnosi e la prevenzione di rischi cardiaci nei pazienti, portando a un trattamento precoce ed efficace.  Persino nei casi di pazienti con malattie cardiache pregresse, la presenza simultanea di PAD potrebbe indicare un maggiore rischio di mortalità: una prevenzione adeguata può quindi aiutare a prevenirne la morte.

È fondamentale notare come la maggior parte dei pazienti affetti da disturbi cardiaci possano presentare malattie vascolari e viceversa. Per questo è importante una cura completa di questi pazienti per migliorare la loro salute cardiovascolare generale. Tuttavia, questo non è sempre eseguito in modo efficace in quanto i centri per la cura dell’ictus e i reparti di cardiologia e angiologia in cliniche e ospedali sono separati. Inoltre, la valutazione periferica dei vasi sanguigni non è considerata una priorità dai cardiologi.

È fondamentale e fortemente raccomandato dalle linee guida della ESC, la Società Europea di Cardiologia, predisporre team multidisciplinari comprendenti un chirurgo vascolare, un cardiologo e altri medici. Ciò può aiutare a migliorare le tecniche di gestione dei pazienti cardiovascolari. Lo stato dei vasi sanguigni periferici deve essere integrato nella gestione del paziente perché può valorizzare la qualità della vita e lo stato generale del paziente. [4, 5]

In aggiunta, le tecniche di screening efficaci possono abbassare la mortalità causata dai problemi cardiovascolari dovuti alla tempestiva identificazione delle malattie vascolari come la PAD. Lo screening della PAD solitamente dovrebbe essere eseguito negli adulti over 50. [6] Storicamente la misurazione dell’indice caviglia-braccio (ABI) è stata comunemente utilizzata come prima valutazione per identificare la malattia degli arti inferiori come la PAD. L’indice caviglia-braccio (ABI) è un test di valutazione non invasivo, calcolato dividendo il valore della pressione sistolica più alto nella caviglia per il valore sistolico più alto nel braccio. [1, 2, 3] Il test è altamente sensibile, specifico e ben consolidato ed è ampiamente diffuso per la rilevazione precoce per un trattamento tempestivo della PAD (arteriopatia periferica).

I nuovi dispositivi di misurazione dell’indice caviglia-braccio (ABI)

Un esempio all’avanguardia degli innovativi dispositivi di misurazione dell’indice caviglia-braccio è rappresentato dal dispositivo MESI mTABLET. Il sistema diagnostico MESI mTABLET è un sistema completo, comprendente moduli diagnostici all’avanguardia, cartelle cliniche dei pazienti e app medicali, tutto in un unico sistema. MESI mTABLET è concepito e prodotto per i professionisti sanitari che ambiscono a procedure moderne. Il dispositivo presenta un sistema automatico wireless di indice caviglia-braccio con una tecnologia a multi bracciale che permette una misurazione simultanea delle pressioni della caviglia e del braccio. Incorpora inoltre l’algoritmo PADsense™ per il rilevamento di forme gravi di arteriopatia periferica.

MESI mTABLET ABI

Tutte le misurazioni e i dati dei pazienti vengono salvati automaticamente e sincronizzati con le cartelle cliniche elettroniche pronte all’uso – MESI mRECORDS, disponibili con MESI mTABLET e qualsiasi dispositivo connesso a internet, in modo semplice e sicuro.

Questo dispositivo non invasivo misura contemporaneamente l’ indice caviglia-braccio (ABI) e utilizza l’analisi della forma dell’onda e una tecnologia di valutazione vascolare per generare informazioni diagnostiche. Il dispositivo può essere implementato in qualsiasi sistema e migliora l’esperienza complessiva degli utenti. Il dispositivo MESI mTABLET aiuta i pazienti ad aderire alle linee guida diagnostiche e garantisce che tutti i pazienti a rischio possano ottenere una diagnosi tempestiva utilizzando una procedura semplificata.

Le altre caratteristiche uniche del dispositivo sono:

La PAD è una malattia altamente incidente, con morbilità e mortalità simili alla malattia coronarica; tuttavia questa patologia non viene indagata e trattata con accuratezza. Ciò porta a un aumento del rischio cardiaco nei pazienti. L’attenzione esclusiva dei cardiologi nei confronti dei sintomi cardiaci sta portando anche a trascurare la valutazione dei disturbi vascolari. Un approccio multidisciplinare è molto importante per una diagnosi efficace e una gestione tempestiva della PAD. Inoltre, le nuove e innovative tecnologie diagnostiche sono necessarie per migliorare le condizioni generali del paziente con PAD.