We're sorry but mesimedical.com page doesn't work properly without JavaScript enabled. Please enable it to continue.
MESI logo
MESI logo
  1. Home
  2. it
  3. il mese della s ...

Il mese della sensibilizzazione sulla PAD: l’ultima dichiarazione scientifica della AHA evidenzia l’essenzialità dello screening e della prevenzione


LinkedIn icon Twitter icon Facebook icon

Settembre è stato il mese della sensibilizzazione sulla PAD. È un’ottima occasione per far conoscere al grande pubblico questa condizione frequente ma ancora non sufficientemente diagnosticata. Per noi di MESI Ltd., al contrario, la diagnosi precoce della e la prevenzione della PAD sono qualcosa su cui lavoriamo e su cui educhiamo quotidianamente.  

il-mese-della-sensibilizzazione-sulla-pad

Per questo motivo, approfitteremo del recente mese della sensibilizzazione sulla PAD per valutare l’integrazione delle ultime scoperte sulla PAD nelle politiche e nelle linee guida sanitarie. Oggi ci concentriamo sulla dichiarazione scientifica da parte della American Heart Association sulla malattia arteriosa periferica degli arti inferiori. Pubblicata solo pochi mesi fa, la dichiarazione riporta le ultime raccomandazioni e linee guida di rilevanza mondiale, con particolare attenzione allo screening e alla prevenzione come elementi chiave per combattere la PAD. 

Un video vale più di mille parole, vi presentiamo anche una lezione video di Matjaž Špan, MD, che analizza questa dichiarazione e la valutazione arteriosa degli arti inferiori.  

Questo blog vi offrirà maggiori informazioni: 

La American Heart Association 

Fondata nel 1924, la American Heart Association educa il grande pubblico a una vita sana, sostiene la ricerca medica cardiovascolare, promuove l’assistenza cardiaca e ha come obiettivo quello di influenzare i medici e altre parti interessate attraverso linee guida sulle condizioni cardiovascolari e la loro prevenzione.  

Il 2021 è il quinto anno dalla pubblicazione delle Linee guida AHA/ACC 2016 per la gestione dei pazienti affetti da arteriopatia periferica degli arti inferiori. Tuttavia, a giugno di quest’anno, la American Heart Association ha pubblicato una dichiarazione scientifica dedicata alla PAD realizzata da un gruppo di lavoro composto da esperti in cardiologia, medicina vascolare, chirurgia vascolare e medicina interna generale.  

Le motivazioni dell’ultima dichiarazione scientifica della AHA sulla PAD           

Lo scopo della dichiarazione è quello di aumentare la sensibilizzazione e iniziare la lotta alla PAD a livello di assistenza primaria. La PAD è una patologia che colpisce fino a 230 milioni di persone adulte nel mondo. Sebbene sia in modo allarmante prevalente e collegata ad un alto rischio di ictus, malattie coronariche e amputazioni, né i pazienti né i medici considerano adeguatamente la sua importanza. Pertanto, la PAD è poco studiata, poco riconosciuta, poco diagnosticata e poco trattata. Ciò è dovuto a diversi fattori:   

  • L’indice caviglia-braccio, il test diagnostico di prima linea per la PAD, non è facilmente reperibile nelle cliniche. Per questo motivo, i test non vengono eseguiti abbastanza frequentemente e su tutti i gruppi a rischio. 
  • Il termine “malattia arteriosa periferica” potrebbe far pensare che questa condizione non sia così mortale o grave, ma non si potrebbe essere più lontani dalla verità. Il termine ‘periferica’ indica semplicemente che non si tratta di una condizione all’interno del cuore stesso.  
  • Condizioni come l’ictus e l’infarto del miocardio ricevono molta più attenzione pubblica e professionale rispetto alla PAD. Sono molto più conosciute, ma come detto in precedenza, la PAD può essere un precursore di condizioni cardiache, quindi è vitale individuarla nella sua fase iniziale.  
  • I sintomi della PAD come dolori, crampi o difficoltà a camminare possono essere ignorati o visti come conseguenze dell’artrite, delle malattie degenerative della colonna vertebrale o dell’invecchiamento in generale. In questo modo, è possibile che i pazienti anziani non vengano sottoposti a ulteriori esami nonostante facciano parte di un gruppo a rischio.
  • Spesso le persone con questa condizione non sperimentano alcun sintomo. 

Le raccomandazioni chiave e i dati emersi dalla dichiarazione 

La raccomandazione chiave della dichiarazione è che lo screening della PAD con ABI sia implementato con urgenza nelle popolazioni ad alto rischio. La misurazione del TBI, o quella simultanea dell’ABI e del TBI, dovrebbe essere adottata se si sospetta una calcificazione dell’arteria mediale, per esempio in caso di malattia renale cronica (CKD) o di diabete. 

Altri risultati chiave emersi sono che molti rischi della PAD sono gli stessi dei rischi cardiovascolari. Di seguito una lista dei rischi che meritano sicuramente di essere evidenziati:  

  • Altri risultati chiave emersi sono che molti rischi della PAD sono gli stessi dei rischi cardiovascolari. Di seguito una lista dei rischi che meritano sicuramente di essere evidenziati:  
  • diabete: il rischio di PAD è 2-3 volte più alto per le persone affette da diabete rispetto a quelle che non lo sono; 
  • ipertensione: sembra esserci una forte connessione tra PAD e pressione sanguigna elevata;
  • vita sedentaria e mancanza di attività fisica (che può anche essere dovuta alla depressione);
  • inquinamento atmosferico: vivere in ambienti urbani aumenta il rischio di PAD di due o tre volte; la situazione è simile con la popolazione che vive in prossimità di strade trafficate. 

La PAD è spesso sottovalutata, ma nella dichiarazione si constata e si avverte che è collegata a gravi complicazioni:   

  • secondo alcuni studi, dal 1990 i casi di PAD sono aumentati ogni anno, così come gli anni di vita persi per morte prematura (YLL), gli anni vissuti con disabilità (YLD) e gli anni di vita persi per disabilità e morte prematura (DALYs); 
  • negli Stati Uniti, la stima della prevalenza della PAD è stata raccomandata a causa dell’incidenza epidemica del diabete e dell’obesità;  
  • la PAD (in contrapposizione all’assenza di PAD) è stata associata a gravi ripercussioni sulle gambe. Bisogna tenere presente che il numero di amputazioni legate al diabete è attualmente in aumento; 
  • La PAD e la sua gravità sono state associate alla demenza e al deterioramento cognitivo. 

L’importanza dello screening precoce della PAD nelle cure primarie: un video di Matjaž Špan, MD 

La PAD è graduale, ma di natura progressiva. Per questo motivo è difficile da individuare senza esami. L’importanza della valutazione tempestiva delle arterie degli arti inferiori in relazione alla dichiarazione viene affrontata in questo video da Matjaž  Špan, MD, specialista in chirurgia cardiovascolare e vascolare:  

Il messaggio del video e della dichiarazione è che esiste una serie di lacune nell’implementazione del controllo della PAD, in particolare a livello di assistenza primaria. 

Si dovrebbe fare di più per aumentare la consapevolezza della PAD sia dei medici che dei pazienti. L’esercizio fisico dovrebbe essere raccomandato come un fattore molto importante nella prevenzione e nella terapia preventiva della PAD. Una volta diagnosticata la malattia, tuttavia, la terapia fisica supervisionata e l’esercizio fisico a domicilio sono  utilizzati molto di meno rispetto alle terapie mediche per la PAD. 

Le popolazioni ad alto rischio dovrebbero essere sottoposte a screening per la PAD a livello di assistenza primaria, utilizzando l’ABI. Il TBI dovrebbe essere utilizzato di più, soprattutto in caso di ABI >1,4, con particolare attenzione ai pazienti affetti da diabete o da malattia renale cronica. Il TBI dovrebbe essere oggetto di maggiore attenzione anche a livello di ricerca.