Le persone con più di 50 anni che soffrono di diabete o ipertensione, fumatrici, sovrappeso o con alti livelli di colesterolo, oltre che tutte le persone con più di 65 anni.

La PAD (o LEAD, arteriopatia degli arti inferiori) è il restringimento delle arterie periferiche. È causata da un accumulo di placca nelle pareti arteriose. Ciò significa che il flusso sanguigno verso gli arti è limitato. Il sintomo abituale è il dolore alle gambe che si verifica durante l’attività fisica e che scompare dopo un breve periodo di riposo, questa casistica è nota come claudicazione intermittente. Tuttavia, la maggior parte dei pazienti non sente dolore alle gambe o tutti gli altri sintomi, oppure non è in grado di descrivere questi ultimi al dottore.

Se le arterie sono calcificate, il dispositivo mostrerà il messaggio PAD. Questo avviso rende necessaria la misurazione con il dispositivo collegato al computer e l’esame della forma dell’onda del battito. Ciò potrà aiutare a dedurre se le arterie sono semplicemente calcificate o anche occluse.

Il dispositivo ha l’abilità di rilevare la PAD di tipo grave. In caso di PAD di tipo grave, il flusso di sangue nelle arterie è molto limitato e pertanto le oscillazioni, essenziali per la misurazione della pressione alle caviglie, potrebbe non essere presenti. Ciò dipende in modo particolare dall’elasticità delle arterie. Se non si rilevano oscillazioni, l’ABI non può essere calcolato, ma il dispositivo analizzerà la forma dell’onda del battito e avviserà della presenza di PAD di tipo grave (con il messaggio PAD). È possibile confermare il risultato esaminando le forme d’onda del battito complete sul rapporto di MESIresults sul proprio computer. Se il flusso sanguigno è molto limitato, ma c’è abbastanza elasticità, il dispositivo calcolerà l’ABI.

Se il paziente ha una gamba amputata oppure non è possibile effettuare la misurazione dell’ABI a causa di ferite estese, è possibile misurare soltanto la gamba destra o sinistra del paziente scegliendo le “Impostazioni di amputazione” nel menù “Impostazioni” del dispositivo.

Se il paziente riesce a sopportare una misurazione di 1 minuto, i manicotti devono essere protetti con un indumento impermeabile prima di essere posizionati sulle estremità che presentano ferite. In caso contrario, è possibile scegliere “impostazioni di amputazione” nel menù “Impostazioni” e posizionare i manicotti di conseguenza.

MESI ABPI MD svolge soltanto lo screening delle arterie occluse e non va inteso come uno strumento di diagnostica. Non si raccomanda l’utilizzo del dispositivo sui pazienti con DVT.

Sì, la PAD di tipo grave viene indicata con un avviso e il simbolo PAD.

Se il paziente soffre di una PAD di tipo grave, il battito alle caviglie è molto debole. Ciò significa che l’ABI non può essere calcolato con precisione. Al contrario, il dispositivo analizzerà la forma dell’onda del battito e indicherà una patologia di tipo grave con il simbolo PAD. Nel caso di un risultato PAD, si raccomanda sempre di ripetere la misurazione con il dispositivo collegato al computer. Ciò fornisce la forma d’onda del battito completa, che può essere analizzata per confermare la condizione.

MESI ABPI MD utilizza un sistema di “misurazione simultanea” unico dove i manicotti vengono posizionati su tre lembi contemporaneamente. La misurazione simultanea è essenziale per l’accuratezza dell’ABI, poiché elimina l’errore di misurazione dovuto al mutamento naturale della pressione arteriosa del corpo umano. Il gonfiaggio e lo sgonfiaggio simultaneo di quattro manicotti invece di tre aumenterebbe il rischio di sovraccarico cardiaco (non è consigliato ostruire tutte e quattro le estremità contemporaneamente).

I battiti cardiaci creano delle oscillazioni sui segnali pletismografici, le quali vengono utilizzate per calcolare i valori della pressione sanguigna dei tre arti. I manicotti delle caviglie misurano i segnali oscillometrici sull’intera caviglia e pertanto viene rilevata la pressione sanguigna sistolica più alta di tutte le arterie (sia quella tibiale, sia quella dorsale del piede) della caviglia. La pressione della caviglia viene quindi confrontata con la pressione del braccio per calcolare l’ABI.

  • in caso di presenza di cannule endovenose o fistole arterovenose, i manicotti e le misurazioni possono causare lesioni all’arto,
  • se il paziente ha subito interventi al seno/mastectomie,
  • non utilizzare il dispositivo su pazienti collegati a un monitor dei parametri vitali,
  • non utilizzare senza consultare prima un medico subito dopo un’operazione in seguito a un trapianto di bypass superficiale,
  • non eseguire la misurazione senza consultare in precedenza un medico se il paziente ha gravi dolori agli arti inferiori o dolori agli arti inferiori provocati da ferite gravi,
  • non utilizzare su pazienti con dermatite, ipertensione polmonare, ipertensione grave, Parkinson o arti eccessivamente edematosi,
  • non utilizzare su pazienti con gravi scompensi cardiaci, cancrene o trapianti recenti di pelle sugli arti superiori o inferiori.

Il dispositivo non rileva l’aritmia di per sé, ma la misurazione può essere effettuata nonostante questa condizione. Se a causa dell’aritmia sono assenti troppi battiti, l’algoritmo non avrà abbastanza dati a disposizione per calcolare l’ABI e mostrerà il codice “errore E4” (“si è verificato un errore durante il calcolo della frequenza cardiaca”). Se la condizione non è grave, l’ABI viene calcolato come sempre.

Caricamento...
Caricamento...
Caricamento...
Caricamento...
Caricamento...